Discussione:
Altro luogo comune: "ah, se non si va in Champions, si smembra la squadra, non si fa mercato!"
(troppo vecchio per rispondere)
Liddas
2016-02-02 08:45:22 UTC
Permalink
Evidentemente sono in pochissimi a ragionare sulla storia recente della Roma.
Stagione 2012-2013: disastrosi risultati e niente qualificazione in Europa, nemmeno nella EL.
Mercato: arrivano Strootman, Benatia, Gervinho, Maicon, De Sanctis e a gennaio Nainggolan.

Ottima stagione e qualificazione in Ch.L.
Si vende Benatia.

L'anno dopo nuova qualificazione in Ch.L. e si continua a vendere almeno quanto si acquista.

A me l'eventuale mancata qualificazione in Ch.L. non preoccupa in prospettiva mercato, ma in quanto risultato negativo in sé. Meglio un mercato modesto ma ragionato e fondato sulle esigenze del tecnico che un mercato pieno di colpi e colpetti che poi si rivelano flop (vedi Iturbe strapagato senza senso). E poi, come scriveva LiG in altro post, la tendenza a smantellare la difesa c'è a prescindere, per cui metto in conto in qualunque caso la possibile cessione di Manolas.

Bisognerebbe preoccuparsi delle prossime partite, non del mercato.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-02 09:04:06 UTC
Permalink
Post by Liddas
A me l'eventuale mancata qualificazione in Ch.L. non preoccupa in
prospettiva mercato, ma in quanto risultato negativo in sé.
Bisognerebbe preoccuparsi delle prossime partite, non del mercato.
Nell'indegno caos che regna a Trigoria, l'unico punto fermo viene
proprio dal mercato: non esiste alcuna relazione fra risultati sportivi
e campagne acquisti.

Nella Roma il mercato funziona cosi':
1) si stabilisce l'obiettivo economico da perseguire, ossia l'ammontare
minimo delle plusvalenze da realizzare tenendo conto il risultato di
bilancio e la situazione del monte ingaggi
2) si attendono le offerte per qualsiasi giocatore
3) sostituire i giocatori ceduti diventa il nuovo obiettivo tecnico (il
che azzera qualsiasi continuita' con la stagione precedente)
4) nel caso esista la possibilita' di acquistare un giocatore non
necessario ma che possa generare una plusvalenza futura, tale giocatore
occupa il posto inizialmente destinato alla sostituzione di uno dei
partenti
5) il 10% delle spese sono destinate all'acquisto di giocatori della
primavera, il 100% delle plusvalenze al risanamento di bilancio
6) la dirigenza della Roma dichiara in conferenza stampa quanto sia
piu' bella, brava, competente, avanti nei tempi, ecc. rispetto alla
concorrenza e parla di gloria ormai prossima e ineluttabile
7) inizia la stagione: anno disparo (senza coppe) = campionato positivo,
anno pari (con le coppe e dovendosi riconfermare) = campionato
disastroso, indipendentemente dalla campagna acquisti

--
LiG
Shuren
2016-02-02 09:19:03 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
Post by Liddas
A me l'eventuale mancata qualificazione in Ch.L. non preoccupa in
prospettiva mercato, ma in quanto risultato negativo in sé.
Bisognerebbe preoccuparsi delle prossime partite, non del mercato.
Nell'indegno caos che regna a Trigoria, l'unico punto fermo viene
proprio dal mercato: non esiste alcuna relazione fra risultati sportivi
e campagne acquisti.
1) si stabilisce l'obiettivo economico da perseguire, ossia l'ammontare
minimo delle plusvalenze da realizzare tenendo conto il risultato di
bilancio e la situazione del monte ingaggi
2) si attendono le offerte per qualsiasi giocatore
3) sostituire i giocatori ceduti diventa il nuovo obiettivo tecnico (il
che azzera qualsiasi continuita' con la stagione precedente)
4) nel caso esista la possibilita' di acquistare un giocatore non
necessario ma che possa generare una plusvalenza futura, tale giocatore
occupa il posto inizialmente destinato alla sostituzione di uno dei
partenti
5) il 10% delle spese sono destinate all'acquisto di giocatori della
primavera, il 100% delle plusvalenze al risanamento di bilancio
6) la dirigenza della Roma dichiara in conferenza stampa quanto sia
piu' bella, brava, competente, avanti nei tempi, ecc. rispetto alla
concorrenza e parla di gloria ormai prossima e ineluttabile
7) inizia la stagione: anno disparo (senza coppe) = campionato positivo,
anno pari (con le coppe e dovendosi riconfermare) = campionato
disastroso, indipendentemente dalla campagna acquisti
Ecco grazie, non mi andava di scrivere
Tom Becker
2016-02-02 09:50:53 UTC
Permalink
mi sembra un ottimo algoritmo, un occhio al bilancio ed uno alla competività.

Naturalmente la differenza la fanno gli interpreti, da questo punto di vista mi sembra che Sabatini abbia spesso pescato bene. Fare errori è naturale ma il bilancio del suo operato mi sembra molto positivo.

In particolare in questa sessione di mercato ha fatto un piccolo capolavoro, rinforzando la squasra sia con gli acquisti che con le cessioni.

Per me deve essere un punto fermo nella società.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-02 10:23:09 UTC
Permalink
Post by Tom Becker
mi sembra un ottimo algoritmo, un occhio al bilancio ed uno alla competività.
In realta' ho scritto esattamente il contrario: gli obiettivi tecnici sono
determinati dalle cessioni effettuate per motivi di bilancio e non per
motivi di campo.

--
LiG
Tom Becker
2016-02-02 11:36:00 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
Post by Tom Becker
mi sembra un ottimo algoritmo, un occhio al bilancio ed uno alla
competivitą.
In realta' ho scritto esattamente il contrario: gli obiettivi tecnici sono
determinati dalle cessioni effettuate per motivi di bilancio e non per
motivi di campo.
io l'ho letta in maniera positiva la tua disamina.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-02 11:36:15 UTC
Permalink
Post by Tom Becker
io l'ho letta in maniera positiva la tua disamina.
LOL, ti voglio bene

--
LiG
Marcunz
2016-02-02 10:18:47 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
3) sostituire i giocatori ceduti diventa il nuovo obiettivo tecnico (il
che azzera qualsiasi continuita' con la stagione precedente)
Mi sembra abbastanza per poter dire che il percorso "di crescita graduale" per questo tipo di gestione sia pura utopia.

La crescita non può che essere a salti: un anno azzecchi tutti i sostituti (e senza coppe) e va benissimo, l'anno appresso ne sbagli due tre (Iturbe, Cole) e hai rotto il giocattolo.

A me sembra che di plusvalenze campino tutte le squadre (chi più chi meno).
Forse dando più continuità al progetto tecnico (mettendolo in mano ad un allenatore sapiente) si riuscirebbe lo stesso a fare plusvalenze perché a quel punto è il progetto tecnico che ti garantisce la plusvalenza, non la bravura nello scoprire Benatia o Marquinhos che è molto più difficile da ripetere.

Costruisci dei bravi giocatori all'interno di un progetto tecnico e vedrai che la plusvalenza arriva lo stesso.
Se la scelta di Spalletti è stata ragionata da Pallotta è probabile che questa tendenza si inverta e si sia capito che le plusvalenze te le farà fare Spalletti "costruendo bravi giocatori".
Zio Nico
2016-02-02 10:27:26 UTC
Permalink
Post by Marcunz
Mi sembra abbastanza per poter dire che il percorso "di crescita graduale" per questo tipo di gestione sia pura utopia.
A me la squadra nell'insieme sembra cresciuta rispetto a 5 anni fa.
Marcunz
2016-02-02 10:49:53 UTC
Permalink
Post by Zio Nico
Post by Marcunz
Mi sembra abbastanza per poter dire che il percorso "di crescita graduale" per questo tipo di gestione sia pura utopia.
A me la squadra nell'insieme sembra cresciuta rispetto a 5 anni fa.
se parliamo di qualità tecnica della rosa e se vogliamo riconoscere a Sabatini almeno il merito di aver fatto fruttare i soldi di Pallotta, si.
Siamo passati da Heinze Kjaer a Manolas-Castan: indiscutibile.

Se parliamo di squadra (insieme organico di giocatori), di equilibrio della rosa, di progetto tecnico allargato al settore giovanile, imho no.
Passi avanti quasi zero perché non hai mai puntato su un nocciolo duro di giocatori di prospettiva e mai su un allenatore capace del livello di Spalletti.

Dopo 5 anni la Roma è ancora un cantiere da rifondare.
Dopo 5 anni di R.Sensi e Pradé (che pur con tutti i loro limiti, coadiuvati da uno che capiva di calcio come Conti, puntarono su un nocciolo duro di giocatori e su Spalletti) avevi ben altro progetto tecnico e qualche coppa in tasca.

Pallotta doveva venire qua e farsi consigliare da Conti invece di metterlo da parte, non da quello scemo visionario venditore di fumo di Baldini.
A quest'ora i primavera di Sabatini sapevano come giocare in prima squadra, c'era un programma di inserimento graduale e potevi anche permetterti il lusso di venderti un Pjanic facendo spazio ad un Uçan (esempio).

Se non è proprio stupido fa ancora in tempo a riprendersi dando a Conti le chiavi di Trigoria: d'altronde l'unica cosa che funzioni da anni a Trigoria è proprio il settore giovanile.
Zio Nico
2016-02-02 11:52:30 UTC
Permalink
Post by Marcunz
Passi avanti quasi zero perché non hai mai puntato su un nocciolo duro di giocatori di prospettiva
Qui non mi trovi minimamente d'accordo. Se vai a vedere la rosa della Roma 2011-12 e poi guardi questa la differenza di organico, in tutti i suoi elementi, è notevole.
Post by Marcunz
e mai su un allenatore capace del livello di Spalletti.
Spalletti è un ottimo allenatore, uno dei miei preferiti, ma non sottovaluterei Garcia come stanno facendo tutti qui a Roma dimostrando di avere la solita memoria corta, come se i precedenti di LE, Ranieri, etc. non avessero insegnato nulla.
Post by Marcunz
Dopo 5 anni la Roma è ancora un cantiere da rifondare.
Non è da rifondare, è da migliorare.
Prohaska
2016-02-02 14:05:02 UTC
Permalink
Post by Zio Nico
Non è da rifondare, è da migliorare.
IMO, la Roma deve cambiare dirigenza.
Baldissoni potrebbe essere un ottimo capo dell'ufficio legale, non un
DG.
Sabatini si occupi dello scouting (sezione che andrebbe incentivata) e
delle trattative di mercato, ma con accanto un DS in grado di saper
gestire (e imporsi) i rapporti con la squadra e sappia interagire con
l'allenatore (che non vuole dire necessariamente andare d'amore e
d'accordo).

Zanzi ai somali.
--
Unico, grande amore.
"Ci siamo ancora noi dell'era Viola." (Fire)
Ora e sempre 28 giugno!
"Io arrivo al massimo alla non diffidenza a priori." (Zuper)
"E' Conte ad essere marcio. Omertoso sul doping, condannato per
calcioscommesse, pilastro di una Juventus che nelle mani della triade
ha fatto lo schifo più assoluto in Italia." (Zio Nico)
Zio Nico
2016-02-02 14:41:26 UTC
Permalink
Post by Prohaska
IMO, la Roma deve cambiare dirigenza.
Di sicuro qualcosa va fatto in quel senso, ma non saprei dire se deve cambiare dirigenza intesa come uomini o se deve cambiare organizzazione con gli uomini che ha.

Quello che mi sembra di capire, al momento, è che le varie funzioni aziendali lavorano troppo scollegate tra loro, quindi finché non cambia questo aspetto continueremo ad avere problemi sia nel costruire una squadra che nel gestirla una volta costruita.
Curt
2016-02-02 17:05:58 UTC
Permalink
Post by Prohaska
Sabatini si occupi dello scouting (sezione che andrebbe incentivata) e
delle trattative di mercato, ma con accanto un DS in grado di saper
gestire (e imporsi) i rapporti con la squadra e sappia interagire con
l'allenatore (che non vuole dire necessariamente andare d'amore e
d'accordo).
Non mi sembra tipo da accettare ridimensionamenti.
margit
2016-02-02 10:43:10 UTC
Permalink
Post by Marcunz
Mi sembra abbastanza per poter dire che il percorso "di crescita graduale"
per questo tipo di gestione sia pura utopia.
La crescita non può che essere a salti: un anno azzecchi tutti i sostituti
(e senza coppe) e va benissimo, l'anno appresso ne sbagli due tre (Iturbe,
Cole) e hai rotto il giocattolo.
Esatto.
Post by Marcunz
A me sembra che di plusvalenze campino tutte le squadre (chi più chi
meno). Forse dando più continuità al progetto tecnico (mettendolo in mano
ad un allenatore sapiente) si riuscirebbe lo stesso a fare plusvalenze
perché a quel punto è il progetto tecnico che ti garantisce la
plusvalenza, non la bravura nello scoprire Benatia o Marquinhos che è
molto più difficile da ripetere.
Solo poche squadre europee possono permettersi annate con veri tonfi di
bilancio. In Italia credo nessuna.

Anche per il resto sono d'accordo: con piccoli miglioramenti si puo'
raggiungere un equilibrio che consenta "cicli" positivi su entrambi gli
aspetti: economico e sportivo.

Condizione necessaria e' che una buona quota della rosa (75%?) non cambi
da un anno all'altro. E sia disponibile.
Post by Marcunz
Costruisci dei bravi giocatori all'interno di un progetto tecnico e vedrai
che la plusvalenza arriva lo stesso. Se la scelta di Spalletti è stata
ragionata da Pallotta è probabile che questa tendenza si inverta e si sia
capito che le plusvalenze te le farà fare Spalletti "costruendo bravi
giocatori".
Sarebbe utile, ma serve anche non strafare nell'anno in cui raggiungi la
CL. Iturbe ad es. a conti fatti e' stato un errore.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-02 10:52:28 UTC
Permalink
Post by Marcunz
A me sembra che di plusvalenze campino tutte le squadre (chi più chi meno).
Non mi pare. Ci sono societa' la cui proprieta' ripaga le perdite
(gobbi, Sassuolo, il Milan fino all'anno scorso, ecc) e altre che, senza
mercato, chiudono ugualmente in pareggio/attivo (ladsie, Napoli, ecc).

Nella Roma, pur essendo spropositato (il secondo in serie A per giocare
di merda e ritrovarsi con dei ruoli scoperti), il monte ingaggi non
occupa che l'80% dei ricavi. Nonostante questo, la Roma chiude con un
passivo di 30-40mln.

Cio' significa che la Roma ha una infinita' di altri costi in altri
settori ai quali non riesce a porre rimedio (ad es. tramite aumento di
altri ricavi).

Queste mancate "contromisure", da qualche parte debbono essere
compensate.

Ed e' li' che subentra Sabatini.

--
LiG







Forse dando più continuità al progetto tecnico (mettendolo in
Post by Marcunz
mano ad un allenatore sapiente) si riuscirebbe lo stesso a fare
plusvalenze perché a quel punto è il progetto tecnico che ti
garantisce la plusvalenza, non la bravura nello scoprire Benatia o
Marquinhos che è molto più difficile da ripetere.
Costruisci dei bravi giocatori all'interno di un progetto tecnico e
vedrai che la plusvalenza arriva lo stesso. Se la scelta di Spalletti
è stata ragionata da Pallotta è probabile che questa tendenza si
inverta e si sia capito che le plusvalenze te le farà fare Spalletti
"costruendo bravi giocatori".
Marcunz
2016-02-02 11:11:09 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
Post by Marcunz
A me sembra che di plusvalenze campino tutte le squadre (chi più chi meno).
Non mi pare. Ci sono societa' la cui proprieta' ripaga le perdite
(gobbi,
sicuro?
Post by Ludwig il Gargoyle
Sassuolo, il Milan fino all'anno scorso, ecc) e altre che, senza
mercato, chiudono ugualmente in pareggio/attivo (ladsie, Napoli, ecc).
Nella Roma, pur essendo spropositato (il secondo in serie A per giocare
di merda e ritrovarsi con dei ruoli scoperti), il monte ingaggi non
occupa che l'80% dei ricavi. Nonostante questo, la Roma chiude con un
passivo di 30-40mln.
Io te la leggo al contrario: stiamo facendo la gestione a plusvalenze per pagare un monte ingaggi spropositato.
E' più chiaro?

Quello che chiedo è una rivoluzione copernicana che mi aspettavo da una proprietà americana con delle esperienze dirette nello sport business.
Trovo allucinante il dato del monte ingaggi e spero che Pallotta capisca che continuare a dare 4mln ai Cole, Maicon, DDR o ai Pjanic per fare una squadra che gioca di merda probabilmente non rende quanto comprarsi il Sassuolo in blocco, aggiungerci Strootman e Manolas (2 ai quali dai si 4mln e non 10), far divertire la gente, vendere magliette e sponsorizzazioni e vivere sereno pure se un anno non becchi la CL. Alla bisogna il Berardi, il Zaza di turno lo vendi e fai plusvalenze.

A me un Udinese 2.0 su scala Roma Capitale (ergo biglietti, magliette, sponsor, marchio globale) andrebbe benissimo è questo che mi aspettavo.
Non che riempisse Trigoria di vecchie glorie strapagate, viziate e psicopatiche.

Certo, per fare l'Udinese 2.0, minimo devi contornarti di gente che capisce di calcio e capisce Roma. Pronti via ti sei presentato con 3 allenatori stranieri di cui uno esordiente, l'altro pazzo e il terzo del Lille, un DG che non sapeva che faceva qua e un DS già psicopatico di suo al quale non è rimasto altro che intentare la via delle plsuvalenze a go-go per rimanere a galla.

Il salto lo deve fare Pallotta, è ora che gestisca la Roma come si gestiscono le aziende normali: producendo quello per cui sono create, divertimento.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-02 11:21:47 UTC
Permalink
Post by Marcunz
sicuro?
Eh si'. Gobbi e Sassuolo sfruttano sponsorizzazioni infragruppo (i gobbi
poi hanno anche ricapitalizzato qualche anno fa), ad esempio.
Legittimo. Io stesso, del resto, mi sono sempre dichiarato soddisfatto
del fatto che la Roma sostenesse molti costi per investimenti. Alla luce
pero' di certi risultati commerciali e di certe dichiarazioni, la
fiducia sui ritorni di questi investimenti cala di giorno in giorno.

Ergo, stante questa situazione che cmq e' destinata a non produrre
niente nel breve termine e forse guai a lungo, preferisco una alta
rotazione di giocatori ad alto costo, piuttosto che una bassa rotazione
di giocatori a basso costo.

--
LiG
Marcunz
2016-02-02 11:45:47 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
Post by Marcunz
sicuro?
Eh si'. Gobbi e Sassuolo sfruttano sponsorizzazioni infragruppo (i gobbi
poi hanno anche ricapitalizzato qualche anno fa), ad esempio.
Legittimo. Io stesso, del resto, mi sono sempre dichiarato soddisfatto
del fatto che la Roma sostenesse molti costi per investimenti. Alla luce
pero' di certi risultati commerciali e di certe dichiarazioni, la
fiducia sui ritorni di questi investimenti cala di giorno in giorno.
A me sembra che anche questi riflettano una tendenziale propensione al rischio/presunzione che se ridotta a "cerchiamo di fare cose normali" produrrebbe più risultati.
Forse dopo 5 anni levarsi le vesti del "siamo la Roma" e mettersi addosso due sponsor normali sulla maglietta, aiuterebbe.

Poi fai una squadra che evita di prendere 6 pere ogni volta che becca lo squadrone in CL e magari ti aiuti a trovare di meglio.
Post by Ludwig il Gargoyle
Ergo, stante questa situazione che cmq e' destinata a non produrre
niente nel breve termine e forse guai a lungo, preferisco una alta
rotazione di giocatori ad alto costo, piuttosto che una bassa rotazione
di giocatori a basso costo.
io preferisco vivere 5gg da orsetto. [cit.]

Fai cose normali: hai preso Spalletti, mandi a casa un po' di vecchiume, insegni calcio a quelli che compri e con il patrimonio di giocatori che hai ne scegli 3-4 e intorno ci fai una squadra di calcio e non i savana trotters.

Non è che per andare in CL tutti gli anni stai a lotta' contro Barça e Bayern, i tuoi competitor stanno messi come te se non peggio.. visto che per ora di soldi cinesi manco l'ombra e quelli tailandesi so spesi pure peggio.
Curt
2016-02-02 17:02:06 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
2) si attendono le offerte per qualsiasi giocatore
A sentire i giornali pare che alcune offerte siano state rifiutate (es. Pjanic). Ma non sono sicuro se crederci o meno.
Post by Ludwig il Gargoyle
4) nel caso esista la possibilita' di acquistare un giocatore non
necessario ma che possa generare una plusvalenza futura, tale giocatore
occupa il posto inizialmente destinato alla sostituzione di uno dei
partenti
Secondo me non e' proprio cosi'. Direi che alcune operazioni rispondono solo a esigenze tecniche mentre altre sono 100% ricerca della plusvalenza. E poi ci sono casi in cui le due cose coincidono (es. Lamela).
Post by Ludwig il Gargoyle
7) inizia la stagione: anno disparo (senza coppe) = campionato positivo,
anno pari (con le coppe e dovendosi riconfermare) = campionato
disastroso, indipendentemente dalla campagna acquisti
Inconfutabile.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-03 07:51:24 UTC
Permalink
Post by Curt
Secondo me non e' proprio cosi'. Direi che alcune operazioni
rispondono solo a esigenze tecniche mentre altre sono 100% ricerca
della plusvalenza. E poi ci sono casi in cui le due cose coincidono
(es. Lamela).
Anche secondo me e' cosi'.
Quello che volevo sottolineare e' che:
1) le esigenze tecniche non sono determinate in primis dalla stagione
precedente ma dalle cessioni; ergo la priorita' non e' mai completare la
rosa ma reintegrarla dei pezzi perduti
2) le operazioni 100% ricerca delle plusvalenza possono occupare slot
destinate a quelle 100% tecniche, impedendone quindi la realizzazione; non
e' mai vero il contrario.

--
LiG
Curt
2016-02-03 09:59:22 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
1) le esigenze tecniche non sono determinate in primis dalla stagione
precedente ma dalle cessioni; ergo la priorita' non e' mai completare la
rosa ma reintegrarla dei pezzi perduti
Ineccepibile.
Post by Ludwig il Gargoyle
2) le operazioni 100% ricerca delle plusvalenza possono occupare slot
destinate a quelle 100% tecniche, impedendone quindi la realizzazione; non
e' mai vero il contrario.
E' vero ma con una riserva: sospetto che le operazioni-plusvalenza siano talmente slegate dal settore tecnico al punto che hanno un budget a parte. E' essenzialmente Pallotta che fa il suo lavoro di hedge funder applicato al calcio, investimenti ad alto rischio e alto reward. Ergo se Pallotta decidesse di non fare piu' quel tipo di operazioni, quel budget non sarebbe a disposizione del settore tecnico.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-03 10:23:16 UTC
Permalink
Post by Curt
E' vero ma con una riserva: sospetto che le operazioni-plusvalenza
siano talmente slegate dal settore tecnico al punto che hanno un
budget a parte. E' essenzialmente Pallotta che fa il suo lavoro di
hedge funder applicato al calcio, investimenti ad alto rischio e alto
reward.
Ah, interessante.

Puo' essere anche se alla fine mi sembra generino cifre talmente basse per
un fondo di investimento, che non so quanto possa valerne la pena.

--
LiG
siermas
2016-02-03 10:55:10 UTC
Permalink
Dimenticate una cosa....sbaglio o la Roma deve restituire 40 milioni di euro l'anno a Unicredit per la ristrutturazione del debito fatta due stagioni fa? In questa ottica si capisce come i soldi certi ,la Champion , vanno per il debito insieme alle plusvalenze mentre con le cessioni e prestiti si fa mercato.
Curt
2016-02-03 11:10:56 UTC
Permalink
Post by Ludwig il Gargoyle
Puo' essere anche se alla fine mi sembra generino cifre talmente basse per
un fondo di investimento, che non so quanto possa valerne la pena.
No aspe' il fondo di investimento e' qui per lo stadio, le operazioni-plusvalenza le vedo piu' come un modo per generare liquidita' all'interno della As Roma e tenerla a galla. In Italia tradizionalmente si sfruttano gli agganci con la politica o i collegamenti con l'azienda di famiglia, Pallotta lo fa nell'unico modo che conosce: investe in operazioni rischiose.
Ludwig il Gargoyle
2016-02-03 11:12:24 UTC
Permalink
Post by Curt
le
operazioni-plusvalenza le vedo piu' come un modo per generare
liquidita' all'interno della As Roma e tenerla a galla. In Italia
tradizionalmente si sfruttano gli agganci con la politica o i
collegamenti con l'azienda di famiglia, Pallotta lo fa nell'unico modo
che conosce: investe in operazioni rischiose.
Aaaah ok, in quel senso allora sono perfettamente d'accordo.

Anche perche' la proprieta' non e' riuscita neanche ad avvicinarsi alle
previsioni di ricavi, fallendo praticamente ogni obiettivo commerciale.

E' evidente che, a queul punto, Sabatini diventi l'ancora di salvezza,
volenti o nolenti.

--
LiG

Roberto er nonno
2016-02-02 09:10:22 UTC
Permalink
Post by Liddas
Bisognerebbe preoccuparsi delle prossime partite, non del mercato.
Concordo. A voler sottilizzare, tuttavia, c'è anche da dire che pur
cambiando gli uomini si continua a non vincere NULLA !! Forse è quì
l'intoppo.

Roberto er nonno
Zio Nico
2016-02-02 09:51:45 UTC
Permalink
Post by Roberto er nonno
Concordo. A voler sottilizzare, tuttavia, c'è anche da dire che pur
cambiando gli uomini si continua a non vincere NULLA !! Forse è quì
l'intoppo.
Perché è ovvio che non si tratta di un problema di uomini.
Roberto er nonno
2016-02-02 10:31:32 UTC
Permalink
Post by Zio Nico
Perché è ovvio che non si tratta di un problema di uomini.
Preciso, perchè non vorrei essere frainteso:
- ora ci si dovrebbe concentrare solo sull prossime partite;
- l'osservazione del passato e della odierna realtà in merito alle varie
campagne acquisti (fatte come le fanno tutte le altre squadre importanti!)
non hanno ancora portato nulla. Allora, o sono le strategie errate o sono
gli acqusiti errati, ove la seconda è figlia della prima.

Roberto er nonno
Zio Nico
2016-02-02 11:59:15 UTC
Permalink
Post by Roberto er nonno
Allora, o sono le strategie errate o sono
gli acqusiti errati, ove la seconda è figlia della prima.
Oppure il problema è da ricercare altrove.
Continua a leggere su narkive:
Loading...